Il Patto di Filiera della Nocciola di Giffoni IGP: Un sostegno ai produttori

Il Consorzio di Tutela della Nocciola di Giffoni IGP, continua a mettere in campo azioni a sostegno della Nocciola di Giffoni IGP e per lo sviluppo del suo territorio con benefici per le aziende della filiera che credono nella qualità e operano rigorosamente per la tracciabilità del prodotto finale proposto ai consumatori.

A conclusione di un’approfondita consultazione i rappresentanti della filiera che compongono il Consiglio di Amministrazione del Consorzio di Tutela della Nocciola di Giffoni hanno deliberato il Patto di Filiera per la campagna 2018/19.

Il Consorzio, a partire da questa campagna chiede agli operatori della filiera l’adozione di buone prassi legate alla produzione, alla commercializzazione, alla trasformazione e al confezionamento della Nocciola di Giffoni IGP. Il Patto consiste in una serie di adempimenti che consentiranno ai corilicoltori di ottenere una remunerazione delle nocciole a prezzi uguali o superiori ai minimi stabiliti dal patto di filiera stesso e ai confezionatori di ottenere uno sconto superiore al 90% sul costo del codice numerico, rilasciato dal Consorzio, da apporre sulle confezioni poste in commercio.

Il prezzo minimo di acquisto delle nocciole per la corrente campagna è di € 6,20 punto resa.

La tracciabilità della movimentazione delle nocciole e dei relativi pagamenti, verificata dal Consorzio, consente di accertare il rispetto del Patto di filiera a cui tutti gli operatori possono liberamente aderire.

Il Consorzio intende con questo strumento indicare la strada per un comportamento sempre più virtuoso e trasparente da parte delle aziende della filiera, puntando al miglioramento qualitativo della produzione corilicola, a una adeguata remunerazione dei produttori, alla tutela delle imprese di trasformazione e commercializzazione e, da ultimo ma non per ultimo, a offrire ai consumatori un’autentica Nocciola di Giffoni IGP.